Attività

ATTIVITA' 2017

Sarà delineata in occasione dell'Assemblea 28 gennaio 2017.

 

Tra gli appuntamenti fissi:
- a Gennaio, entro metà mese, ci si ritrova presso l’aula magna dell’Istituto Agrario a San. Michele, in occasione dell’Assemblea Generale annuale dei Soci UDIAS;
- l’ultimo sabato del mese di Luglio, per la tradizionale gita in malga, con partecipazione aperta anche ai simpatizzanti, agli amici e alle famiglie dei soci. Solitamente è una giornata densa di appuntamenti culturali e visite ad aziende di settore.
- a inizio Autunno, per un’uscita a sfondo culturale e turistico, per un confronto sull’andamento dell’annata e per la tradizionale castagnata.
Altre occasioni d’incontro sono rappresentate anche dalla partecipazione alla cerimonia di consegna dei Diplomi iniziativa nata in seguito a una specifica proposta dell’UDIAS, ma anche da visite tecniche, viaggi di studio, seminari e incontri a San Michele e presso Aziende operative, accompagnati dagli amministratori e tecnici delle rispettive aziende,con degustazione dei prodotti, ecc..

 

Tra le uscite recenti del biennio 2015 - 2016 possiamo ricordare,:

• Melinda, visita al magazzino COCEA di Segno, a Mondomelinda, alle suggestive celle ipogee,
• Azienda Schenk Italia SpA, multinazionale del vino dell’Alto Adige,
• Azienda Alois Lageder di Magré,
• Presenza a Mach 2 Expo,
• Malga Zocchi e Forte Pozzacchio,
• Pravis di Lasino, Incontro con Assessore Dallapiccola e prof. Geremia Gios sui temi dell’agricoltura,
• Intervento in occasione del 50° dei diplomati del 1965,
• visita alla Menz & Gasser
• Museo della musica popolare di Roncegno,
• Castagnata presso il Club House del Golf di Roncegno
• Centro ricerca FEM di Vigalzano di Pergine Valsugana per i piccoli frutti
• Vigneti di Maso Cantanghel
• Castagneto di Besagno
• Cantina Colli Zugna

 

Storico Attività UDIAS

di M. Bertamini

Con è certo facile, e sicuramente non è di moda, parlare oggi di un’associazione che ha come scopo principale quello di mantenere un legame tra vecchi amici di scuola, annodando relazioni tra le generazioni che si sono succedute sugli stessi banchi e riuscendo a fare, di quest’appartenenza, un motivo di orgoglio e di vanto. Eppure questa è stata ed è tuttora UDIAS, l’Unione degli ex Allievi dell’Istituto di San Michele all’Adige.

Il 2011 è stato un anno importante per la nostra associazione, il 15 gennaio, si è tenuta un’assemblea elettiva, scadeva, infatti, il quadriennio di mandato della precedente direzione. La partecipazione di un nutrito gruppo di giovani, che si sono resi disponibili anche alla candidatura per la direzione, ha permesso che uscisse dalle urne un direttivo molto rinnovato. Esso risultata composta da: Lorenzo Adami, Marco Chistè, Matteo Curzel, Paolo Dorigati, Moreno Nardin, Stefano Pisoni, Angelo Rossi, Federico Simoni e Massimo Bertamini. Revisori dei conti sono stati nominati: Franco Franchini, Walter Fronchetti e Giuseppe Viola.

La direzione ha nominato il sottoscritto quale presidente per il prossimo quadriennio, mio vice è stato nominato Angelo Rossi, segretario Lorenzo Adami e tesoriere Matteo Curzel.
Dopo oltre vent’anni in direzione, tre mandati da vice-presidente e uno da tesoriere, ho assunto l’onore e l’onere della presidenza con molto entusiasmo e tante idee da mettere in pratica.

Il primo impegno che abbiamo preso come direttivo è stato quello di fare incontri molto serrati con cadenza almeno mensile; così al termine di quest’anno abbiamo avuto ben 14 gli incontri di direttivo, un record nella pluridecennale storia di UDIAS! Quest’anno corre il 65° dalla fondazione ufficiale.
Era, inoltre, necessario dare all’associazione una struttura organizzativa all’altezza degli impegni, anche se questo compito poteva rappresentare un rischio per l’attività di breve periodo. Bisognava creare una segreteria efficiente e operativa, trovare degli spazi idonei per la sede sociale, mettere mano al data-base dei soci per avere una situazione aggiornata, stimolare la sottoscrizione di nuovi soci, creare la tessera sociale. Così molto del nostro tempo è stato occupato da cose che non sono appariscenti, ma che sono i “fondamentali” di un’associazione che crede nel proprio futuro.

Nel corso dei mesi primaverili siamo stati impegnati nella designazione del rappresentante degli allievi ed ex allievi dell’Istituto nel CdA della FEM. Questa designazione spetta per legge a UDIAS. È stata un’esperienza di democrazia e discussione interna molto importante per la nuova direzione, al termine della quale è stato proposto Angelo Rossi, che il 1° luglio è stato ufficialmente nominato dalla giunta provinciale quale componente del Consiglio di Amministrazione di FEM.

Abbiamo comunque trovato il tempo per realizzare altre attività e più precisamente:

  •  In collaborazione con FEM e WineJob abbiamo dato un sostanziale aiuto  nell’organizzazione di tre seminari che hanno avuto un grande successo di partecipazione e che, per nostro tramite, hanno visto l’applicazione di uno sconto di oltre il 40% per la partecipazione degli ex allievi. I seminari sono stati i seguenti:
    o 1° Seminario di Marketing Internazionale del vino: 11 e 12 marzo;
    o Seminario sull’uso del web nella comunicazione, promozione e vendita dei prodotti: 24-25 marzo;
    o 2° Seminario di Marketing Internazionale del vino: 4 novembre
  • In collaborazione con gli studenti della classe sesta abbiamo promosso l’organizzazione della Tavola rotonda su Spumanti d'Italia: Se fossero le differenze la nostra forza. L’evento si è svolto il 1° aprile in occasione della 30° Enomarcia. Sempre in questa giornata abbiamo pensato ad una serata in amicizia tra gli ex allievi che avevano organizzato la prima Enomarcia nel 1981 e quelli di quest’anno. Tramite UDIAS si sono così incontrate due generazioni di studenti “lontane” trenta anni (FOTO 1). È stata un’esperienza molto bella, che merita di essere ripetuta.
  • Il 23 aprile a Castel Toblino, in occasione della mostra DiVinNosiola abbiamo proposto una degustazione gratuita di Nosiola e Vino Santo dedicata a tutti gli associati UDIAS.
  •  In primavera abbiamo aperto la nostra pagina su Facebook, valorizzando le nuove opportunità offerte dalla rete per mantenere dei legami di amicizia, comunicare le nostre attività, stimolare discussioni e confronti. Nel giro di pochi mesi siamo ormai più di ottocento! Chi non avesse ancora avuto l’occasione di farsi “nostro amico” cerchi “UDIAS” su FB.
  •  Il 3 giugno è stata una giornata memorabile, abbiamo, infatti, portato a termine un sogno: l’inaugurazione della sede ufficiale di UDIAS presso le strutture FEM. Ora abbiamo un bellissimo ufficio, in un’ottima posizione. Qui allievi ed ex allievi possono trovare un punto per riunirsi, possiamo realizzare la nostra operatività e il nostro archivio storico ha potuto finalmente trovare degna sistemazione (FOTO 2).
  • Al termine dell’anno scolastico abbiamo ufficializzato il bando del “1° concorso fotografico in memoria del prof. Adriano Scoz”, allo scopo di mantenere vivo tra allievi ed ex allievi il ricordo di quest’amato e apprezzato docente del Centro Istruzione e Formazione dell’Istituto Agrario. Egli era un grande appassionato di fotografia naturalistica, del paesaggio agrario e forestale. Il Concorso 2011 aveva come Tema “Vita nei campi”. L’obiettivo del concorso è stato la promozione e valorizzazione, attraverso il mezzo fotografico, delle peculiarità del lavoro agricolo, inteso come “vita dedicata e vissuta nei campi”. Le premiazioni sono previste il 13 gennaio 2012, in occasione delle consegna dei diplomi 2010/2011.
  •  L’ultimo sabato di luglio, è stato organizzato il tradizionale incontro estivo per soci UDIAS, familiari, simpatizzanti, amici. Quest’anno ci siamo dati appuntamento a Malga Juribello (Passo Rolle). È stata un’occasione di discussione sulle tematiche della zootecnia, alpicoltura e valorizzazione dei formaggi tipici. Claudio Vallorz ha parlato della situazione e delle prospettive del settore zootecnico e dell’alpicoltura in Trentino. Dora Tavernaro (distretto Strade dei formaggi Dolomitici) ci ha proposto la valorizzazione dei formaggi tipici con assaggio di alcuni prodotti del Caseificio di Primiero. All’incontro, oltre ad una sessantina di associati, amici e familiari si sono aggiunti dei turisti molto interessati agli argomenti trattati. Inoltre, ci ha onorato della sua partecipazione anche l’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, turismo e promozione Tiziano Mellarini, che ha rivolto delle parole d’incoraggiamento ai giovani (FOTO3). Insieme abbiamo voluto ufficializzare l’entrata nella “grande famiglia” UDIAS degli ex allievi della Formazione Professionale Agricola (qualifiche e diplomi professionali) consegnando loro la tessera sociale. La giornata è proseguita con una degustazione di TrentoDOC (FOTO4) un lauto pranzo presso l’agriturismo e una stupenda camminata fino a cima Castellazzo ove si trova la famosa statua del Cristo pensante. Infine, l’intenso programma è terminato con una S. Messa, celebrata dall'amatissimo prof. Don Renato Scoz, in ricordo dei nostri associati, studenti e amici che ci hanno lasciati nel corso di quest’ultimo anno. In particolare abbiamo voluto ricordare l’ex presidente Renzo Santoni mancato in primavera e Davide Pinamonti deceduto in un incidente in montagna a fine giugno.
  • Con i primi di settembre abbiamo iniziato la campagna d’invio a tutti i soci della tessera UDIAS fresca di stampa! Questo piccolo segno di “appartenenza”, che abbiamo deciso di ripristinare dopo 40 anni, servirà per far crescere un legame ancora più forte all’interno dell’associazione. La tessera, oltre ad essere inviata a tutti i soci, sarà consegnata a ogni studente al termine del corso di studi in modo da renderlo partecipe, fin da subito, della nostra grande famiglia. Essa servirà per tenere traccia delle quote annuali versate, infatti, a chi è in regola con i versamenti sarà puntualmente inviato il bollino annuale. Dal 2012, inoltre, ai possessori della tessera varranno applicati una serie di sconti e agevolazioni in conformità a convenzioni con case editrici, abbonamenti a riviste e giornali, assicurazioni, negozi, centri sportivi, e altro ancora, ma questi sono solo un aspetti secondari. Abbiamo, inoltre, inviato la tessere”gold”, cioè di socio onorario, a oltre trenta ex docenti della nostra scuola, ora in pensione, perché UDIAS vuole mantenere anche con loro un legame speciale.
  • Il 20 settembre abbiamo partecipato fattivamente all’organizzazione, presso l’Istituto, di un evento inserito nel decennale del Consorzio Associazioni per il Mozambico. Si è trattato di una serata rurale dal titolo “Tra sicurezza alimentare e sovranità alimentare: il confronto sullo sviluppo rurale nei Paesi in via di sviluppo… e non solo”.

    Si è parlato di sovranità alimentare con Marco Foschini, rappresentante di Coldiretti alla FAO e membro del Comitato Italiano per la sovranità alimentare, con Geremia Gios, professore di economia agraria presso la Facoltà di Economia dell'Università di Trento e con Roberto Scarpari, coordinatore del servizio Banco Alimentare del Trentino Alto Adige – Onlus. A contorno della serata la mostra fotografica Tra l'Africa e l'Oceano Indiano: impressioni da terre mozambicane, esposizione di libri ed assaggi trentini ad offerta libera. Il ricavato è stato destinato al sostegno dei progetti in Mozambico. Abbiamo così realizzato un altro obiettivo che c’eravamo posti a inizio anno, cioè occuparci anche di progetti di solidarietà internazionale. Questo era solo l’inizio, è nostra intenzione far nascere un progetto di “adozione” della scuola agraria di Caia, nel corso del 2012 se ne parlerà.
  •  Nei mesi autunnali, dopo le fatiche delle vendemmie e delle raccolte, abbiamo focalizzato la nostra attenzione su due aspetti importanti per UDIAS:
    - l’aggiornamento dello Statuto sociale, per trovare una veste che sia al passo con i molti cambiamenti avvenuti presso San Michele e poter vedere tra i nostri soci anche figure professionali in precedenza non previste;
    - il restyling del nostro logo e della nostra immagine coordinata. Vorremmo che UDIAS campasse in bella vista nel nostro simbolo e che le nostre radici fossero ben evidenti;
    Queste proposte troveranno la loro logica conclusione nel dibattito dell’assemblea del 14 gennaio 2012, solo i soci, infatti, potranno esprimere il parere definitivo in merito a questi argomenti.
  • Il 20 novembre abbiamo fattivamente collaborato all’organizzazione dell’evento PORTE APERTE a San Michele. Ci siamo fatti promotori di un più forte coinvolgimento degli studenti nella gestione delle iniziative a corollario, quali la gestione delle mescita di bevanda, della somministrazione di pasti caldi (polenta, canederli, orzetto) nonchè di salumi e formaggi (tutti rigorosamente di origine trentina). Queste attività, oltre ad essere state per i giovani ottime occasioni di condivisione in spirito volontaristico, hanno permesso di raccogliere fondi per progetti di solidarietà e per attività didattiche. In futuro UDIAS potrebbe farsi carico dell’intera organizzazione dell’evento Porte Aperte.
  • Nel dicembre 2011 è entrato operativo anche il nostro sito-portale, è la nostra futura interfaccia con gli associati, gli amici e i simpatizzanti. E’ aperto all'interazione, con spazi liberi per forum, bacheche per annunci, per scambi di libri e materiali. Tutta la nostra attività e le nostre proposte saranno sempre ben visibili, mentre in una zona con accesso riservato ai soli soci si ritroveranno verbali di riunioni, comunicazioni, discussioni. Da molto tempo attendevamo questo momento, ora finalmente è giunto!
  • In occasione della cerimonia di consegna dei diplomi 2010/11, che si terrà venerdì 13 gennaio 2012, nella quale questo stesso annuario sarà presentato, è nostra intenzione organizzare la consegna delle tessere di soci onorari a un gruppo di nostri associati storici. Chiederemo a uno di loro di “raccontare” ai giovani le sue esperienze professionali e personali. Sarà un’occasione per far incontrare generazioni diverse e mantenere quel legame personale che è il collante della nostra associazione. Sempre in quest’occasione sarà organizzata anche la festa del 25° dal diploma, inviteremo quanti hanno terminato i loro studi nel 1986. La serata terminerà in compagnia con una “cena di gala” tra vecchi e nuovi amici!
    Quest’anno da presidente è passato molto velocemente, tante attività sono state avviate, molte hanno trovato realizzazione. A questo riguardo voglio ringraziare i molti soci e sostenitori, ma soprattutto l’impegno e la collaborazione data dal nuovo direttivo; è bello infatti lavorare con giovani motivati e motivanti. La compagine sociale è incrementata di quasi il 150%, senza contare i soci onorari e i nuovi diplomati che da quest’anno sono automaticamente fatti soci per un primo anno (oltre 100 per il 2011). Questo significa che è stata invertita una tendenza che vedeva negli ultimi anni UDIAS sempre più in crisi d’identità. Il rilancio d’immagine e logo contribuirà a completare quest’opera.

Sicuramente molto di più si poteva fare, ma il nostro obiettivo primario è stato quello di consolidare i “fondamentali” dell’associazione: solo così si potranno affrontare le sfide del futuro.

L’augurio che faccio a questa storica associazione, in particolare ai giovani membri del direttivo, è quello di saper sempre trovare quei percorsi e proporre quelle attività capaci di valorizzare sia le energie dei giovani sia l’esperienza di chi più giovane non è, ma può dare un indispensabile contributo al progresso umano e professionale del mondo dell’agricoltura e di UDIAS.